Get Adobe Flash player
Home Fai da te Plafoniera in PVC

L’illuminazione in acquario è, negli ultimi anni, molto cambiata; oggi sono molto meno in voga i tubi fluorescenti specifici per piante, i cosiddetti fitostimolanti, mentre sono molto in auge i tubi fluorescenti a luce diurna, spesso non specifici per acquariologia, e caratterizzati da alto indice Ra (resa dei colori) e temperatura di colore di 5000-6500°K (luce bianchissima e “fredda”). Si stanno usando molto i tubi Osram e Philips nei tradizionali formati T8, nei più recenti T5, e nei formati compatti ad “U “. Sono ancora poco usati i tubi fluorescenti compatti con alimentatore incorporato ed attacco a vite E27, cioè le classiche “lampade a risparmio energetico” che hanno sostituito in quasi tutte le case le vecchie lampadine ad incandescenza. La plafoniera che ho realizzato, di facilissima costruzione, usa proprio questo tipo di lampade, per la precisione le Philips Master PL electronic 23W CDL E27, che presentano la stessa miscela di fosfori e lo stesso spettro delle Philips TLD 865.

Materiali.
1) PVC nero in lastra di spessore 3 mm.: reperibile presso i negozi di forniture industriali di gomme e plastiche.
2) n.2 portalampade con attacco a vite E27 di colore nero del tipo lineare da pannello: reperibile presso qualsiasi negozio di elettricità ed in molti supermercati o brico center.
3) metri 1 di cavo elettrico marrone di sezione 0,75 mm2.
4) metri 1 di cavo elettrico blu di sezione 0,75 mm2.
5) metri 1,5 di cavo elettrico nero bipolare 2x0,75 mm2.
6) n.1 fascetta da elettricisti.
7) n.2 lampade Philips Master PL Electronic 23 W CDL E27: reperibili presso i migliori negozi di illuminazione o presso gli ingrossi di materiale elettrico (spesso effettuano la vendita anche ai privati).
8) n.2 vaschette in alluminio delle dimensioni di circa 20x30 cm.: reperibili in qualsiasi supermercato.
9) tubetto di collante Tangit (Henkel) specifico per PVC: reperibile presso le migliori ferramenta ed in alcuni brico center.
10) tubetto di collante Millechiodi (Pattex): reperibile in ferramenta e nei brico center.

Preparazione e montaggio.
La struttura della plafoniera appoggia direttamente sui vetri laterali della vasca ed è costituita da n.7 elementi di PVC secondo il seguente schema.
in dettaglio:
n.3 pezzi di 50,8x8 cm., n.2 pezzi di 9x8 cm., n.2 pezzi di 7,7x8 cm. con foro centrale di diametro 3,9 cm (circa).
N.B.: le misure si riferiscono ad una plafoniera per una vasca lunga cm.50. Queste misure possono essere variate per adattare la plafoniera ad altre vasche di lunghezza diversa, tenendo conto delle dimensioni delle lampade e dei portalampade.
Per il taglio della lastra in PVC ci si può rivolgere presso il negozio di acquisto, oppure presso un falegname, il PVC si taglia agevolmente con una sega a lama circolare per legno. Maggiore difficoltà si avrà utilizzando altri strumenti di taglio (seghetto alternativo, seghetto a mano). Per la foratura dei due pezzi che sosterranno i portalampade si può utilizzare un trapano con punta a tazza, oppure un minitrapano pluriaccessoriato.
Le parti da incollare andranno trattate con carta vetrata (oppure con un l'apposito accessorio abrasivo per chi utilizza un minitrapano).
Iniziamo l'assemblaggio incollando in modo perpendicolare due pezzi di mm.508x80 utilizzando il Tangit, occorre essere precisi e veloci perchè il collante si indurisce in una manciata di secondi, si può tenere un pezzo in posizione orizzontale con una morsa, applicare su entrambe le superfici un filo di tangit e premere delicatamente le parti da incollare. Una volta essiccato (pochi minuti) possiamo incollare i due pezzi terminali di mm.90x80. A questo punto occorre togliere un angolo ai due pezzi forati, in modo da permettere il passaggio di due cavi conduttori con sezione 0,75 mm2, e quindi, lasciando 7 cm. di spazio per l'alloggiamento dei portalampada possiamo incollarli. Inseriamo due spezzoni di cavo elettrico, uno blu ed uno marrone, nell'angolino che abbiamo tolto, in modo da collegare le due estremità della plafoniera.
Adesso è il momento di applicare il "riflettore". Occorre ritagliare dalle vaschette in alluminio dei rettangoli di circa 8x20 cm. e rivestire la parte centrale della plafoniera utilizzando la colla "Millechiodi" che ha la caratteristica di aderire immediatamente alle superfici da incollare pur permettendo un facile riposizionamento. Serviranno 4 pezzi per rivestire la parte già assemblata, più altri due per rivestire la parte ancora da assemblare. Una volta applicato il rivestimento in alluminio occorre rifilare eventuali eccessi con un cutter.
Occorre adesso incollare anche l'ultimo pezzo di PVC, in modo da avere la struttura ormai completa, applicheremo inoltre (con qualche difficoltà dato lo spazio angusto) gli ultimi pezzi di alluminio.
Inizia adesso la parte "elettrica": essendo le lampade con alimentatore incorporato, i collegamenti sono semplicissimi, basta infatti collegare le due lampade in parallelo. Per una accensione separata occorre naturalmente una linea separata per ogni lampada. Essendo la plafoniera comandata da un timer, non ho inserito nessun interruttore. In caso contrario può essere inserito un interruttore da pannello forando opportunamente la plafoniera ad una estremità. Nel mio caso ho praticato un foro per il passaggio del cavo di alimentazione al centro di uno dei due pannellini laterali, all'interno ho messo una fascetta che tenga i cavi ed eviti a loro dei danni nel caso che venga tirato eccessivamente il cavo di alimentazione. Una volta fatti i collegamenti e fissati i due portalampada, possono essere montate le due lampade. La plafoniera è finita.

 

Spiacente, per lasciare un commento devi essere registrato.

Foto spot
cureparentali.jpg